Continua la politica propagandistica di Facebook

Standard

Davvero, non si possono voltare le spalle alla verità, cessare di annunciarla, nasconderla, anche se si tratta di una verità difficile, la cui rivelazione porta con sé un grande dolore. […] Nella prova possiamo sentirci soli, ma la divina grazia, la grazia di una fede vittoriosa, non ci abbandona mai. Perciò possiamo contare di superare vittoriosamente ogni prova, persino la più dura. (Giovanni Paolo II, Alzatevi, Andiamo!)

Le politiche del più diffuso social network, si sa, sono apertamente schierate verso tutto ciò che è considerato “progresso”. Tra profili bloccati perché difendono un’idea di famiglia che non va più di moda (come è successo a Mario Adinolfi), pagine chiuse, post eliminati ed insulti legittimati, appare evidente che aveva ragione Overtone con la sua idea di “finestra”. Il confine della discriminazione si sposta ogni giorno, vale per alcuni, ma per altri no. Ogni giorno una nuova ideologia diventa più accettabile, si inventano giustificazioni che non esistono e dimostrazioni fasulle.

A qualcuno oggi spetta il compito di vigilare: sulle nuove ideologie, sulle nuove colonizzazioni. Qualcuno deve mantenere desta la propria coscienza e il proprio cuore, perseverando, anche se attaccato da tutti. Arriverà un giorno in cui i cuori si convertiranno, e sarà possibile perché qualcuno avrà conservato un seme di giustizia e verità.

Continuiamo allora a condannare le falsità che vediamo. È importante che non ci abituiamo al male, perché, come diceva Anna Arendt, esso è una banalità. Dobbiamo evitare a tutti i costi di intorpidire i nostri cuori e le nostre menti. Ogni falsità deve farci destare, perché sappiamo che solo la verità può realizzare pienamente il desiderio dell’uomo.

In quest’ottica, vi invitiamo a scriverci, perché il centro culturale diventi anche una voce che grida, che richiama con umiltà alla verità.

Di seguito, una serie di elementi da considerare a proposito di Facebook:

 

2016-07-21 (1)

Immagini che Facebook mette a disposizione degli utenti, per rendere più espressive e significative le chat private e i post pubblici

2016-07-21 (2)

Un’intera gamma di immagini è dichiaratamente dedicata al tema del gay pride, dell’oroglio gay e lgbt

2016-07-21 (3)

Tutti gli utenti possono usufruire gratuitamente di queste immagini. Facebook le promuove, cioè le ritiene così utili e fondamentali da garantirle a tutti senza costi.

2016-07-21

. Un altro tema di immagini riguarda l’amore paterno. In realtà, vediamo che molte immagini sono dedicate a coppie di due uomini che hanno un bambino, oppure a genitori di colore che hanno figli bianchi e viceversa.

2016-07-21 (4)

Per quanto riguarda l’impostazione del proprio nome e cognome, notiamo che Facebook ci permette di modificare il nostro nome come desideriamo. Tuttavia, come si legge nella nota in blu, il cambiamento di nome è possibile solo ogni 60 giorni.

2016-07-21 (6)

Se invece si seleziona il sesso, non c’è più la restrizione dei 60 giorni: si può cambiare quante volte si desidera, anche più volte al giorno

2016-07-21 (7)

Selezionando il genere neutro, è inoltre possibile decidere con quale pronome le altre persone si devono rivolgere a noi.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...